MANTENIAMO ALTA L’ATTENZIONE SULLA LOTTA ALLA PRECARIETÀ

MANTENIAMO ALTA L’ATTENZIONE SULLA LOTTA ALLA PRECARIETÀ

611
0
CONDIVIDI

CABINA DI REGIA

L’imponente mobilitazione del 30 giugno indetta ed organizzata dalla CUB SICILIA ed alla quale hanno aderito l’ANCI Sicilia, le organizzazioni sindacali confederali, altre organizzazioni sindacali e movimenti è stata in assoluto il più partecipato sciopero regionale del pubblico impiego svoltosi in Sicilia che ha costretto il Governo Regionale ad affrontare il problema del precariato. In quella giornata c’è stato un tentativo di boicottare la manifestazione con un annuncio propaganda da parte del Presidente della Regione il quale, attraverso i mezzi di informazione, proponeva come soluzione alternativa alla faraonica Agenzia Lavoro la RESAIS S.P.A. Ciò portava alla decisione condivisa dalla CUB Sicilia con le altre sigle sindacali e con l’Anci Sicilia di non accettare l’incontro, precisando che detto incontro era stato richiesto da parte nostra prima ancora della dichiarazione resa dal Presidente Crocetta che annunciava come soluzione la RESAIS S.P.A. Si è convenuto, pertanto, di non accettare le proposte avanzate dal Governo Regionale che sono: l’Agenzia di Faraone e, in ultimo, la RESAIS, in quanto convinti che le stesse, così come concepite, porterebbero i lavoratori a dovere accettare un contratto di lavoro di natura privatistica. Questo la CUB Sicilia non lo permetterà!!! A quel punto il Presidente Crocetta ha ritenuto opportuno convocare per il 6 luglio 2016 la cabina di regia per presentare le proprie proposte e riprendere la vertenza con le parti sociali. Durante i lavori della cabina di regia, svoltisi regolarmente per la data prefissata, invece, l’Assessore alla Funzione Pubblica Luisa Lantieri riferiva alle parti sociali che i tecnici dell’Assessorato non avevano ancora completato gli approfondimenti necessari per definire la nuova proposta del Governo Regionale. La stessa si impegnava a convocare una nuova seduta entro e non oltre la prossima settimana. Detto ciò, è di fondamentale importanza mantenere alta l’attenzione di tutti i lavoratori sulle proposte che verranno portate al tavolo, le quali, in nessun modo, potranno vedere trasformati i contratti di lavoro da pubblici a privati.
Per la CUB Sicilia il confronto diretto con i lavoratori è fondamentale per l’elaborazione di una posizione condivisa. Pertanto abbiamo già pianificato una serie di incontri, a partire dal prossimo venerdì 8 luglio, che ci vedrà impegnati a confrontarci con i lavoratori in molti comuni della Sicilia.
Obiettivo della CUB Sicilia è quello di intraprendere un percorso per cambiare totalmente la concezione della società fondata sulla precarietà e per ribadire, una volta e per sempre, diritti per i lavoratori e certezze sull’erogazione dei servizi pubblici alla collettività.

PASSA DALLA TUA PARTE… ADERISCI ALLA C.U.B. SICILIA

CONDIVIDI

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO