Stop al precariato, chiesto incontro al Governo

Stop al precariato, chiesto incontro al Governo

187
0
CONDIVIDI

Presto un sitin davanti all’assessorato alla Funzione Pubblica a sostegno della vertenza dei precari del pubblico impiego

Le Federazioni Flaica Cub – Cub Pi – Cub Trasporti – Cub Sur, riunite presso la sede del capoluogo siciliano, con la partecipazione delle strutture dell’Isola e alla presenza di Marcelo Amendola, portavoce nazionale della Confederazioni unitaria di base, hanno dato corso alla ristrutturazione della Cub-Sicilia. L’organizzazione – a livello regionale – si è posta l’obiettivo di intraprendere tutte le iniziative di lotta necessarie per rilanciare la vertenzialità sindacale, volte – in primo luogo – a garantire le conquiste dei lavoratori e ad estendere le tutele anche nei rapporti contrattuali regolati dal Job Act, ovvero quelle nuove forme del mercato della forza-lavoro che legittimano autoritariamente il comando dell’impresa sui lavoratori. Forme contro le quali la Cub – sul piano nazionale – ha già preso posizione con varie manifestazioni. “Bisogna superare –affermano alla Cub Sicilia – la drammatica piaga del precariato e, al tempo stesso, creare nuovi meccanismi di partecipazione democratica dei lavoratori”. Dall’incontro palermitano la Cub -Sicilia ha individuato, come azione non più procrastinabile, un intervento urgente sulla annosa questione del precariato. Nella fattispecie sottolineano: “Abbiamo già chiesto un incontro al Governo Regionale sulla questione specifica per riaprire il confronto”. Inoltre fanno sapere che a breve “sarà indetto un sit-in davanti l’assessorato regionale alla Funzione Pubblica a sostegno della vertenza dei precari del pubblico impiego, una vicenda di sfruttamento scandaloso che si trascina ormai da moltissimi anni senza alcuna volontà di risoluzione”. Infine la Cub-Sicilia ha manifestato l’impegno diretto nel sostenere con forza la campagna Rsu del 17-18-19 aprile 2018, “campagna che vedrà impegnati migliaia di lavoratori del pubblico impiego, dalla scuola alla sanità, che rendono servizi essenziali alla collettività”.

CONDIVIDI

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO